La Storia di Porto Azzurro

dal piccolo paese di pescatori al turismo dell'Isola d'Elba

le origini di porto azzurro all'Isola d'ElbaDallo stemma del Comune di Porto Azzurro è possibile individuare le origini del paese che risalgono al 1600 da parte del regime spagnolo. All’interno dello stemma, diviso in quattro parti, nel primo e nel quarto rosso raffigura il Castello con tre torri e una stella d’oro.    Nel secondo e nel terzo interno di colore argento un’ancora in nero, dove un delfino verde è attorcigliato con il capo in giù.porto azzurro la storia Il Castello indicato nello stemma raffigura la fortezza spagnola costruita da Filippo III di Spagna nei primi anni del XVII secolo e dove la stella ne indica la sommità del promontorio. Mentre il delfino, rimane in ricordo della precedente unione sotto il nome di Lungone, poi Longone o Porto Longone, alla comunità di Capoliveri. Mentre le varie vicende storiche portarono all’Elba numerose battaglie, resistenze e conquiste, anche il Forte di Portolongone fu prima occupato nel 1646 dalle truppe Francesi, ma poi dopo pochi anni, gli spagnoli riconquistarono la fortezza. L’agglomerato cittadino risiedeva nella zona sottostante la fortezza spagnola chiamata, la “marina”. Fu influenzato da questi passaggi “esterni” di truppe di varia nazionalità, anche perché la posizione della “marina” era ottimale come scalo merci e di rifugio per le navi. La sua economia, anche per il clima mite della zona, si sviluppò soprattutto in quella agricola e ittica. Nel frattempo il territorio passò al Regno di Napoli che rimase fino al 1801, dove poi le truppe Napoleoniche lo ricevettero fino alla presenza di Napoleone che divenne “Sovrano dell’isola d’Elba”. Dopo la caduta di napoleone (1815) l’Elba passò al Granducato di Toscana e si arriva con ciò all’Unità d’Italia, dove con attenta riflessione e richiesta degli abitanti di Portolongone, ottennero nel 1947 la possibilità di cambiare nome al paese che diventò Porto Azzurro.  storia porto azzurroInizia da allora una nuova storia di vita più indipendente dalla “Fortezza spagnola” che nel frattempo è una famosa Casa di Reclusione. Pur riconoscendo il Carcere,  Porto Azzurro, inizia con gli anni 50/60’ a sviluppare il turismo e come tutta l’Isola d’Elba, diventa una delle mete preferite di migliaia di turisti italiani e stranieri.